SEI IN > VIVERE FANO > SPETTACOLI
comunicato stampa

Fano Jazz 2022: giovedì Eivind Aarset alla Rocca Malatestiana

4' di lettura
195

Giovedì 28 luglio, è il jazz che viene dalla Scandinavia a lasciare la propria impronta tra le proposte della XXX edizione di Fano Jazz By The Sea: ospite del concerto sul Main Stage della Rocca Malatestiana (ore 21.15) sarà, infatti, il chitarrista norvegese Eivind Aarset, uno dei più originali specialisti odierni delle sei corde. Al suo fianco ci saranno il bassista Audun Erlien e i batteristi Erland Dahlen e Wetle Holte. Biglietti posto unico: intero 20,00 Euro, ridotto 18,00 Euro.

Nel pomeriggio, per la sezione Exodus – Gli echi della Migrazione, all’Ex Chiesa di San Francesco (ore 18.30; ingresso 2 Euro), il trombettista Luca Aquino proporrà la sua solo performance Icaro Solo; un’ora dopo al Jazz Village, a ingresso gratuito, sarà la volta della marchigiana LAJ Big Band. Infine, sempre al Village, per Cosmic Journey (ore 23.00) saranno di scena i Kidd Mojo & Veezo.

Già apprezzato in più occasioni dal pubblico di Fano Jazz By The Sea, sia come leader che come sideman, Eivind Aarset si ripresenta al festival sull’onda della recente pubblicazione di Phantasmagoria, or A Different Kind of Journey, uno degli album più belli del musicista scandinavo. Autentico esploratore della chitarra e dei suoni elettronici più in generale, Aarset è da tempo una delle figure di primissimo piano del composito universo musicale scandinavo, un autentico sperimentatore, un poeta visionario della musica. Oltre che con l’attività di leader, Aarset si è distinto grazie a collaborazioni con Jon Hassell, David Sylvian, Bill Laswell, Jan Garbarek, Nils Petter Molvaer, Dhafer Youssef, Paolo Fresu, Marilyn Mazur, J. Peter Schwalm, Mike Manieri, Marc Ducret, Michel Benita, Michele Rabbia, Talvin Singh, Andy Sheppard e altri ancora. Particolare della band del chitarrista è la presenza di due batteristi che garantiscono un solido e dinamico sostegno ritmico cui offre il proprio contributo anche il bassista Audun Erlien. In altre parole, una band formidabile che mescola in modo sapiente energia e creatività.

Anche per Luca Aquino si tratta di un ritorno a Fano, dopo diversi anni. Il suo Icaro solo non è un semplice concerto ma una “azione sonora” che cerca un contatto con l’ambiente, con reperti archeologici, con il pubblico. È un progetto per sola tromba costruito intorno ad un’intuizione e al desiderio di sfidare il suono non ancora esplorato, mescolando suoni acustici ed elettronici, verrebbe da dire il “sacro” con il “profano”. Ed è il titolo di uno degli album che hanno posto le basi dell’ascesa internazionale del trombettista campano: Aquino lo ha registrato nel 2010 nella Chiesa di Sant’Agostino a Benevento, sua città natale, collocando ventidue microfoni panoramici in punti strategici degli interni. Da allora la performance viene riproposta eccezionalmente solo in luoghi che il suo artefice ritiene particolarmente adatti. Luoghi magici come lo è l’ex Chiesa di San Francesco.

La Libera Accademia del Jazz Big Band (LAJ Big Band) è nata all'interno del laboratorio jazz dell'Accademia Musicale di Ancona, quando Roberto Gazzani e il bandoneonista Pablo Corradini si sono incontrati per dare vita ad un progetto originale. L'incontro inedito tra il bandoneòn, lo strumento principe del tango, e la Big Band diventa il tema principale di un concerto che passa da liberi momenti di improvvisazione ad altri di pura scrittura. Non mancano nel repertorio brani della tradizione musicale argentina. Agua y Viento è il nome del disco appena prodotto, che conta la partecipazione del sassofonista Javier Girotto.

Kidd Mojo & Veezo - Luca Bologna al basso, Fabio Visocchi al piano elettrico e synth, Mylious Johnson alla batteria - agisce all’interno del filone che si può definire “californiano”, quel sound “psichedelico-futuristico” che nei binari tracciati da Flying Lotus e Thundercat ha saputo diventare una delle colonne sonore più interessanti della contemporaneità. Kidd Mojo & Veezo sono i pionieri della scena milanese in quanto a sperimentazioni di questo tipo. Il gruppo è capace di sposare le armonie jazz e soul con i beat del futuro, in un amalgama che nelle loro performance live trasporta il pubblico per un istante nei sobborghi di Los Angeles.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-07-2022 alle 16:23 sul giornale del 28 luglio 2022 - 195 letture






qrcode