SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
articolo

Elezioni, ‘In Comune’ si rinnova (ma senza Luzi): nella squadra di Mascarin più donne che uomini. I nomi

4' di lettura
1436

Uniti contro la destra. Per sostenere e promuovere un municipalismo di sinistra, forti dell’esperienza democratica delle primarie. E per dare continuità a quanto fatto finora ma nella consapevolezza delle nuove sfide e della necessità di dare voce e spazio a una nuova classe dirigente. Sono alcuni dei pilastri su cui si fonda la lista ‘In Comune con Mascarin’, versione 2.0 di quella già propostasi cinque anni fa a sostegno del bis da sindaco di Massimo Seri.

Missione compiuta, all’epoca. Questa volta il candidato è Cristian Fanesi del Partito Democratico, uscito vincitore per appena tre voti di scarto al ballottaggio delle primarie di coalizione. L’altro pretendente era proprio Mascarin, a cui Fanesi ha già pubblicamente assicurato un posto in giunta. Vicesindaco? Si vedrà. “Non è una cosa che mi mette ansia, intanto pensiamo a far sì che vi sia un sindaco di centrosinistra” ha commentato l’uomo-simbolo di In Comune tra ironia e una punta di scaramanzia, consapevole del fatto che quella delle elezioni amministrative dell’8 e 9 giugno sarà “una sfida intensa e difficile”.

Prima dell’io, il noi. Prima dell’uomo solo al comando, la squadra. Quella di Mascarin si compone di ventiquattro nuovi, per due terzi nuovi rispetto alla prima incarnazione di cinque anni fa. Al suo interno vi sono professionisti, studenti, pensionati, stranieri. Una composizione variegata “per fornire una risposta alla complessità dei nostri tempi”. In prevalenza saranno donne e ragazze – 13, mentre 11 saranno gli uomini in lista -, un risultato che Mascarin rivendica con orgoglio, anche se tra loro non vi sarà la veterana Carla Luzi. Consigliera comunale uscente, ha fatto sapere che non sarà della partita per impegni personali e familiari, ma anche perché “dieci anni son più che sufficienti per seminare e raccogliere. È stato un percorso bellissimo e complesso. Qui vi è una moltitudine di colori che sento miei. Sarò sempre al vostro fianco, ma con discrezione e in un altro modo. Spero – ha detto – di lasciare una traccia”.

Il fatto che In Comune resti sulla piazza – al contrario di altre liste che si fanno e si disfano a seconda del momento – è per il segretario Simone Uguccioni la prova di un radicamento. L’aggiunta della dicitura ‘con Mascarin’ è a suo dire un modo “per valorizzare il percorso di Samuele per le primarie”. Un impegno che secondo lo stesso Mascarin starebbe avendo anche un risvolto estetico. “Noi del centrosinistra condividiamo tante cose – ha dichiarato -, e tra queste vi sono anche le occhiaie. Quello delle primarie è stato un percorso di partecipazione democratica. Noi teniiamo insieme le pluralità, lavoriamo per l’inclusività, la solidarietà e l’integrazione. Vogliamo far vivere un certo tipo di politica, di cui questa lista è la sintesi, contrapposta alla politica che la destra ci vorrebbe imporre. Noi non puntiamo su un nome, ma su ventiquattro biografie. Dall’altra parte c’è una persona imposta da Ancona, in una destra che è l’unico vero avversario di queste elezioni, a Fano come a livello nazionale”. Le biografie sono quelle di:

Samuele Mascarin 15/06/1980

Simone Uguccioni 23/08/1984

Luciano Ardò 25/02/1953

Fabrizio Bartolucci 06/06/1958

Andrea Belacchi 17/08/1968

Rita Carnaroli 22/05/1952

Alessandro Cinti Luciani 02/03/1976

Nicholas Ciuferri 06/05/1981

Gian Aldo Collina 15/09/1956

Alessia Di Girolamo 25/09/1976

Ina Dormencu 27/02/1983

Barbara Falcinelli 05/02/1974

Emanuela Giovannelli 11/03/1962

Donatella Giuliani 28/09/1958

Marta Guido 14/11/1988

Hafida Kanba 02/03/1963

Stefania Mazzanti 24/06/1958

Elena Maria Mazzoli 30/01/2001

Francesca Morenzetti 07/08/1958

Giulia Pierluca 22/08/1944

Luigi Pietropoli 30/01/1950

Nausica Puschi 31/07/2002

Matteo Spallacci 20/08/1990

Enrico Zampa 13/02/1985

Eccola la prima delle cinque liste che sosterranno Fanesi. “Tutte insieme – ha spiegato il candidato a sindaco – rappresentano i diversi mondi del centrosinistra, summa di qualità ed esperienza già riconosciute attraverso le primarie. Anche grazie a questo gruppo vogliamo rendere questa città ancora più bella e vivibile. Sarà una battaglia intensa, ma andremo a conquistare la vittoria che ci meritiamo”. Poi, in caso, ci sarà da tenere unite le diverse anime della coalizione. “Siamo ancora qui perché ci siamo riusciti meglio della destra – ha affermato Mascarin -, e questa unità verrà espressa dal programma che presenteremo nei prossimi giorni. Un contratto tra di noi, ma soprattutto con i cittadini”.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp iscriversi al canale vivere.me/waVivereFano oppure salvare in rubrica il numero 376 03 17 897 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano
  • Per Signal iscriversi al nostro gruppo




Questo è un articolo pubblicato il 07-05-2024 alle 17:14 sul giornale del 08 maggio 2024 - 1436 letture






qrcode